La riforma fiscale e sociale è la chiave di successo per il nostro futuro

  • Rappresenta un patto sociale a favore delle famiglie, dei cittadini-contribuenti e delle aziende
  • Rafforza la politica familiare e consolida la conciliabilità famiglia-lavoro
  • Finanzia gli asili e i dopo scuola, riduce le rette delle famiglie e introduce un assegno parentale
  • Riduce le imposte sulla sostanza e sul capitale avvicinandole alla media nazionale.  La riduzione è accompagnata da un aumento dell’imposizione sui dividendi;  non è certo un regalo ai ricchi!
  • Riduce il rischio di esodo dei maggiori contribuenti (persone e aziende) e consolida il substrato fiscale per garantire il finanziamento delle prestazioni pubbliche
  • Attrae le aziende innovative e crea nuovi posti di lavoro qualificati
  • È finanziariamente sostenibile per lo Stato e le misure sociali sono finanziate dalle aziende


Perché una riforma
fiscale e sociale?

In una società che evolve e si trasforma in continuazione, è necessario che l’ente pubblico rinnovi il proprio apparato sociale…

Continua a leggere »»

Misure sociali
innovative

La riforma introduce delle misure di politica familiare dell’ordine di 20 milioni di franchi (a regime) che favoriscono la conciliabilità… 

Continua a leggere »»

Misure fiscali
mirate

La riforma si concentra sia su aspetti fiscali in cui siamo particolarmente penalizzanti rispetto agli altri cantoni, che su puntuali misure…

Continua a leggere »»

 

Sfondo_01.jpg
 

I due pacchetti sono legati

In considerazione della chiara volontà espressa dal Parlamento, se una delle due componenti, fiscale o sociale, dovesse venire a mancare anche l’altra non potrà essere messa in atto. L’entrata in vigore delle modifiche legislative relative al pacchetto di misure sociali è infatti legata all’entrata in vigore delle modifiche relative al pacchetto di misure fiscali, e viceversa.

 
 

Per una fiscalità
rivolta al futuro

Da alcuni anni stiamo assistendo a un rapido mutamento del contesto fiscale internazionale e federale. Anche il Ticino non sfugge alle necessità di rivalutare alcuni aspetti…

Continua a leggere »»

 

Nuovi importanti sostegni per le famiglie

Finalmente verranno destinate più risorse e più aiuti per le famiglie ticinesi, favorendo la conciliabilità famiglia-lavoro. I sostegni sono concreti: un assegno di 3’000 franchi…

Continua a leggere »»

 
Sfondo_01.jpg
 

Un aiuto alle famiglie,
non un regalo ai ricchi

La riforma fiscale e sociale è un patto solido fra aziende, cittadini e Stato. Da un lato miglioriamo la fiscalità del Canton Ticino evitando che buoni contribuenti se ne vadano e che il maggior onere fiscale conseguente ricada sul ceto medio. Dall’altro lato le aziende finanziano misure sociali e mirate a favore della conciliabilità famiglia-lavoro e dei famigliari curanti.  

 


Comitato interpartitico
Sì al lavoro e alle famiglie


Votazione Cantonale Domenica 29 aprile 2018
Maggiori informazioni: info@siallariforma.ch


Michele_Foletti.png


Michele Foletti
co-presidente

SÌ ad un patto tra famiglie, aziende e lo Stato per il futuro del Ticino.


Michele_Foletti.png


Giorgio Fonio
co-presidente

Perché a 20 milioni di franchi per le famiglie e agli asili nido io dico di SÌ!


Giovanni_Pagani.png


Giovanni Pagani
co-presidente

Agevolare fiscalmente aziende innovative permette di attrarre imprese e posti di lavoro qualificati.



Marialuisa Parodi
Presidente FAFTPlus

SÌ alla conciliabilità, che coinvolge Stato e imprese, per valorizzare il lavoro delle donne.


Luca_Bolzani.png


Luca Bolzani
Imprenditore

Questa riforma combina in maniera equilibrata un alleggerimento fiscale con un efficace sostegno alla politica familiare.


Adesioni al comitato

Maurizio Agustoni, Eolo Alberti, Maurizio Anghileri, Bruno Arrigoni, Fabio Bacchetta Cattori, Roberto Badaracco, Marco Balerna, Fabio Battaglioni, Sara Beretta Piccoli, Fabio Bernardi, Sergio Bernasconi, Jacqueline Bianconi Maurer, Juri Bonizzi, Luigi Canepa, Simone Castelletti, Rocco Cattaneo, Franco Citterio, Sonia Colombo-Regazzoni, Carlo Croci, Fiorenzo Dadò, Raffaele De Rosa, Michele Dedini, Claudio Franscella, Sabrina Gendotti, Simona Genini, Simone Ghisla, Lorenzo Jelmini, Daniele Lotti, Davide Lurati, Samuel Maffi, Eduard Mecchia, Giovanni Merlini, Stefano Modenini, Giorgio Montorfano, Lorenzo Orsi, Luca Pagani, Marco Passalia, Alex Pedrazzini, Paolo Peduzzi, Fulvio Pelli, Olivieri Pesenti, Aldo Pessina, Aron Piezzi, Adriano Piffaretti, Alessia Ponti, Fabio Regazzi, Michele Ris, Marco Rizza, Meinrado Robbiani, Giorgio Rossi, Chiara Simoneschi Cortesi, Stefano Steiger, Massimo Suter, Marco Treichler, Damiano Vignuta

 
Slogan.png